La Romania occupa una posizione strategica tra l’Europa e la Federazione Russa, inoltre lo sbocco sul Mar Nero consente il collegamento con la Turchia e la Georgia.

Dopo la caduta del regime socialista di Ceausescu a fine 1989, la Romania è diventata una repubblica democratica. Nel 2004 è entrata nella NATO e dal 2007 è nella fase di preadesione all’Unione Europea. Dal 2009 il Fondo Monetario Internazionale ha erogato alla Romania finanziamenti per oltre 20 miliardi di euro a sostegno delle riforme economiche e monitora, congiuntamente all’Unione Europea, la stabilità finanziaria del paese.

La Romania gode di risorse naturali uniche: minerarie, un elevato potenziale energetico e soprattutto importanti risorse agricole. Inoltre, in tutto il paese esistono opportunità nel settore agricolo che per essere sviluppate necessitano di know how specialistico e di adeguata tecnologia, entrambi al momento non disponibili nel paese. Gli investitori possono contare sull’aiuto dei fondi europei, in parte erogati a fondo perduto, finalizzati sia al semplice acquisto di macchine e attrezzature agricole sia alla realizzazione di completi centri aziendali.

L’agricoltura trae inoltre vantaggio dalla buona qualità del terreno, dall’abbondanza delle risorse idriche, dall’accesso  alla nuova PAC 2014/2020 a pari condizioni degli altri membri comunitari e, per ultimo ma non ultimo, dalla possibilità di coltivare superfici misurabili in centinaia o migliaia di ettari.  Queste superfici possono essere sia acquistate da privati che ottenute in concessione a lungo termine dallo Stato a condizioni economiche sicuramente vantaggiore rispetto ad anaoghe opportunità in Europa.

La transizione dal regime socialista a quello attuale ha permesso la formazione della proprietà privata e, dopo i primi tempi di comprensibile confusione, siamo ora arrivati alla certezza del diritto basato su misurazioni catastali effettuate con sistemi GPS (Global Position System) e planimetrie aeree. La terra, da sempre, rappresenta la più solida forma di investimento ed in Romania è possibile investire a costi competitivi e l’affermarsi di metodi colturali moderni assicura una remunerazione dell’investimento superiore a quella otteniibile dai mercati finanziari.

office@agrigest.ro I bussolini@agrigest.ro I mihaiuc@agrigest.ro